Catering per Eventi Speciali

Professionisti del Ricevere

Post recenti

BEN...ESSERE IN MOVIMENTO move Up your LIFE

Alzati & PEDALA

L' OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha valutato che mediamente con un'attività fisica che va da 150 a 299 minuti settimanali di media si possono ottenere benefici per la propria salute e rimanere in forma; se i minuti sono più di 300 i benefici aumentano e si può perdere gradualmente peso (se si osserva una corretta e bilanciata alimentazione).


Tra le attività fisiche a intensità moderata ricordiamo:


1)camminare a circa 4km l'ora in pianura;

2)pedalare a meno di 15km l'ora in pianura;

3)nuotare lentamente;

4)fare giardinaggio e piccoli lavori domestici, ballare a ritmo moderato.


Tra le attività ad alta intensità elenchiamo:


1) camminare a più di 6km l'ora

2) pedalare a più di 15 km l'ora

3) nuotare a buona velocità

4) fare lavori pesanti: facchino, muratore, agricoltore, minatore ecc

5) Giocare a tennis, pallavolo, calcio, basket, rugby, ecc

Da bambini il primo mezzo di locomozione che siamo stati in grado di guidare èstata la bicicletta e una volta imparato ad usarla senza rotelline ...abbiamo toccato il cielo con un dito!

Bene.. l'uso della bicicletta poterebbe esserci di grande aiuto, anche da adulti: il suo utilizzo può migliorare la salute fisica di una persona e farci tenere sotto controllo il peso.

Durante la bella stagione può essere alternata a belle camminate o essere utilizzata per andare al lavoro, per spostamenti di medio raggio. Anche d'inverno o quando piove.. possiamo comunque pedalare in casa o in palestra sulla cyclette!.. oppure seguire un più impegnativo corso collettivo di Spinning, ormai organizzato in ogni palestra.


PEDALARE oltre che essere efficace per migliorare la funzionalità cardiocircolatoria e respiratoria, aumenta in modo considerevole la forza della muscolatura della parte inferiore del corpo!

Consigli :

1) E' consigliata un bicicletta con cambio (quando si affronteranno le prime salite...sarà prezioso!)

2) Regolare bene, magari con l'ausilio di un esperto,il sellino ed il manubrio.

3) Utilizzare abbigliamento idoneo: in particolare pantaloncino imbottito e scarpette dal fondo rigido, casco, cardiofrequenzimetro, luci o bande catarinfrangenti nelle ore notturne.


Per affrontare i primi percorsi è meglio scegliere tratti pianeggianti e cercare di mantenere costante l'intensità dello sforzo che deve essere inizialmente moderato.


La cyclette è consigliata anche alla persone anziane o a tutti coloro che anche in notevole sovrappeso, hanno problemi alle ginocchia, perchè non le sovraccarica e rinforza la muscolatura delle gambe.

Se non volete acquistare una cyclette potete posizionare la vostra bicicletta sui blocchi, comodamente a casa vostra, magari davanti alla tv o ascoltando la vostra musica preferita.


Inizialmente è opportuno cominciare con sedute di 15/20 minuti ed aumentare gradualmente la durata.

MATTONI DI CONOSCENZA

Radicali Liberi, Antiossidanti

"Se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, ne' in eccesso ne' in difetto, avremmo trovato la strada per la salute." (Ippocrate, 460-377 a.C)."

Gli effetti benefici del connubio tra alimentazione ed attivita' fisica, (costante nel tempo ,documentati dai parametri fisiologici. Tuttavia, l'esercizio fisico, lo sport e soprattutto l'attivita' agonistica non sono scevri da effetti collaterali, Tutto questo perche' il metabolismo aerobico durante l'esercizio fisico aumenta, incrementando a sua volta, la produzione di radicali liberi.

I radicali liberi sono solo dannosi?

L'ossigeno e' presente per il 21% nel corpo umano, parte dell'ossigeno entra nei processi metabolici e si lega all'idrogeno formando quella molecola che tutti conosciamo come H2O, e cioe' l'acqua. Ma l'ossigeno puo' anche essere dannoso: alcuni suoi atomi fanno parte di molecole che appunto denominiamo radicali liberi molto instabili, per la presenza di uno o piu' elettroni liberi, molto "avidi" e quindi perennemente alla ricerca di altre molecole cui attaccarsi. La conseguenza di questa unione e' una degenerazione cellulare. Tuttavia essi sono anche utili in quanto il nostro organismo utilizza questa capacita' di "demolizione" contro" virus o batteri, per spezzare e utilizzare l'ossigeno del corpo e per la contrazione del tessuto liscio dei vasi sanguigni, promuovendo così una corretta circolazione nel sangue. Quando il numero dei radicali liberi e' sotto controllo si e' in una condizione di equilibrio. Un eccesso, al contrario, porta ad una serie di conseguenze quali: danni tipici dell'invecchiamento, arteriosclerosi, danni a mucose ed altre strutture cellulari ed infine alterazioni alla catena genetica del DNA.

Altri fattori, poi, contribuiscono alla formazione di radicali liberi: l'inquinamento dell'aria, insetticidi e prodotti chimici presenti nei cibi, il fumo di sigaretta, le radiazioni, lo stress fisico o emotivo ed alcuni medicinali.

Attività fisica e conseguenze sulla produzione di radicali liberi

Dati recenti nella letteratura scientifica evidenziano che i radicali liberi aumentano durante l'attivita' fisica , ma le nostre difese restano adeguate ed anzi migliorerebbero grazie all'intervento di enzimi che sarebbero "sovraregolati" proprio in virtu' dell'esercizio fisico. In effetti, riscontri positivi dell'attivita' fisica sono stati visti su malattie vascolari e tumori, la cui insorgenza e' strettamente legata allo stress ossidativo.

Il rischio, cioe', sembra dipendere dall' intensita' dell'esercizio fisico e dallo stato di allenamento dei soggetti in questione. Potrebbe sembrare quasi paradossale, ma praticare un’attività fisica troppo intensa può INOLTRE, nuocere alla salute del cuore, modificandone l’anatomia e determinandone un invecchiamento precoce

In conclusione questo suggerisce come sia preferibile mantenere un ritmo moderato negli allenamenti, con 5 sessioni di esercizio a settimana di durata compresa tra i 30 e i 50 minuti al dì.

TROPPA ATTIVITA' FISICA è CONTROPRODUCENTE, come il MANGIARE MALE ( NON BISOGNA MAI RINUNCIARE AL Gusto.

(tema del prossimo POST).





Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square